Chi Siamo

L’itinerario di Vocazione all’Amore nasce nel dicembre del 1998, quando la coppia responsabile Sabrina e Giancarlo Grasso, erano ancora fidanzati.
Al primo incontro erano presenti 36 coppie di fidanzati alle quali venne chiesto quali fossero gli argomenti che più li interessavano. Dalla varietà di tematiche richieste nacque spontaneamente un itinerario per fidanzati.
Nell’arco di questi anni, molte coppie diventate sposi hanno sentito il desiderio di continuare insieme un cammino di crescita nell’amore di coppia e nell’amore di Dio.
Gli sposi, suddivisi in piccoli gruppi (comunità), si incontrano autonomamente a casa seguendo dei percorsi comuni a tutte le comunità.

 

FIDANZATI

L’Itinerario di Vocazione all’Amore è un cammino per fidanzati che si propone di seguire la crescita umana e spirituale dei fidanzati ispirandosi a fondamenti psicologici, antropologici e teologici che si addicono alla coppia. L’itinerario fa sì che i fidanzati percorrano le tre fasi del fidanzamento: “crescita, responsabilità e grazia”.
Il primo anno affronta l’aspetto antropologico del rapporto di coppia risaltandone l’umanità. Le tematiche partono dalla conoscenza di sé e dell’altro e cercano di far prendere coscienza alla coppia che Dio è con loro per tutto il tempo del fidanzamento.
Il secondo anno affronta l’aspetto della crescita della coppia, i fidanzati superano la fase dell’innamoramento per giungere alla fase successiva dell’amore maturo costruito non più su ciò che idealizzano o che sperano ma su ciò che hanno e che gli propone Gesù.
Il terzo anno affronta l’aspetto sacramentale del rapporto di coppia risaltando l’apertura della stessa ai doni che Dio vuole darle. Viene proposto alle coppie di compiere un atto di responsabilità: accogliere Cristo come “perno” e “collante” principale del loro rapporto di coppia.

A CHI È RIVOLTO

L’itinerario è rivolto a tutte le coppie di fidanzati che intendono crescere nell’amore, approfondire la conoscenza di sé e dell’altro, migliorare il rapporto di coppia ed interrogarsi sull’ importanza del matrimonio cristiano. E’ rivolto anche a tutti coloro (single, preti e consacrati) che vogliono approfondire i temi sopra citati. Non è un corso prematrimoniale bensì un cammino di crescita umana e cristiana.

STRUTTURA DEGLI INCONTRI

Il corso per fidanzati è triennale con tre icone bibliche che lo rappresentano (Discepoli di Emmaus – Samaritana – Nozze di Cana) ed è ciclico così da rendere possibile l’inserimento delle coppie in qualsiasi momento.
Vengono proposti uno o due incontri al mese con dinamiche, attività e condivisione di coppia e tre ritiri annuali.

PER INFO

Se intendete avvicinarvi a tale cammino potete venirci a trovare agli incontri serali. Per avere maggiori informazioni vi invitiamo a visionare il calendario/eventi sotto la categoria fidanzati, la pagina Dove Siamo, il volantino e la locandina di quest’anno e a contattarci per qualunque altra informazione o dubbio.

SPOSI

Le coppie di fidanzati che decidono di sposarsi non vengono lasciate sole: esiste per loro un Itinerario di Maturazione dell’Amore, per coppie di sposi e per famiglie che hanno intenzione di continuare a crescere insieme, sotto la guida della Parola di Dio. Gli incontri si svolgono a casa delle coppie che costituiscono le piccole comunità familiari, per alimentare il senso della “Chiesa Domestica”, luogo in cui Dio si rende presente adattandosi al linguaggio e alle dinamiche della famiglia.
È già da 11 anni che queste famiglie camminano insieme e il numero dei loro figli è già una risposta a questa chiamata: ci si aiuta nei bisogni più impellenti, ci si è vicini nei momenti più significativi e si arricchisce il senso di fraternità che è proprio del cristiano. Si può dire che nasce una comunione nuova alimentata dallo Spirito di Cristo.
Le comunità famiglia che camminano parallelamente prendono il nome delle prime case dove Gesù ha vissuto (Betlemme, Nazareth, Cana…).
Le coppie si confrontano con:

  • Tematiche di vita quotidiana: si cerca di intravedere la presenza di Dio nella quotidianità della famiglia cristiana e di capire come questa è chiamata a rispondere davanti alle provocazioni del mondo di oggi;
  • Coppie della S. Scrittura: si prendono come esempi di vita e di esperienza le coppe presenti nella Sacra Scrittura e ci si relaziona con loro;
  • Tematiche di spiritualità coniugale: si fa presente la scelta di Dio di fare della famiglia uno strumento di santificazione;
  • Famiglia e Chiesa: la famiglia diventa compartecipe delle decisioni prese in ambito parrocchiale e diocesano;
  • Missione in e per la famiglia: si conosce il prossimo e qual è la missione che Dio ha assegnato alla famiglia.

Nelle comunità ogni coppia si alimenta:

  • del Sacramento che gli è stato donato, in forza del Battesimo che ci rende già missionari;
  • della Preghiera recitata durante il giorno sotto forma di dialogo secondo lo stile e i tempi familiari;
  • dell’ascolto della Parola di Dio durante gli incontri liturgici e domestici;
  • dell’Eucaristia, nutrimento vitale, come Adorazione e Comunione ricevuta nella propria parrocchia.

Le coppie maturano anche attraverso la formazione partecipando a corsi, seminari, master o convegni in chiave familiare, organizzati dalla diocesi di Catania o da altre diocesi a livello regionale o nazionale.
Inoltre, in diverse coppie di sposi emerge il desiderio di mettersi a servizio della famiglia in vari campi:

  • Ufficio di Pastorale Familiare Diocesano, Giovanile, Vocazionale e Missionario
  • Insegnanti di Metodi Naturali
  • Operatori di percorsi per fidanzati
  • Collaboratori in parrocchia per la preparazione ai Sacramenti

A CHI È RIVOLTO

Il cammino è rivolto a tutte le coppie di sposi che hanno intenzione di maturare il proprio amore e la propria fede sotto la luce di Cristo. Questo è possibile farlo soltanto attraverso un cammino di crescita spirituale dove le coppie hanno un posto privilegiato, non più come spettatori ma, come veri protagonisti della loro storia e di quella che Dio aveva pensato per loro. E’ indispensabile una rieducazione all’amore e al valore della famiglia. Lo scopo di questo cammino è quello di dare alle famiglie la possibilità di essere “soggetto pastorale”, testimoni del loro sacramento, di evangelizzare con il loro stile di vita e di dedicarsi, in modo particolare, a quelle coppie o famiglie che lungo il loro cammino si sono “fermate” perché stanche o demotivate e rinvigorire il desiderio di crescere nella spiritualità coniugale al punto di uniformarsi a quell’ immagine che Dio aveva voluto fin dalla creazione del mondo: “a immagine e somiglianza di Dio”. La Diocesi ha appoggiato questo progetto perché ha visto che questo cammino sta portando frutti positivi riuscendo a dare una risposta a tutti quegli interrogativi che molte coppie si pongono.

STRUTTURA DEGLI INCONTRI

Ogni famiglia, una volta a settimana e a turno, accoglie le famiglie della propria comunità a casa preparando l’incontro da trattare (il giorno e l’orario dell’incontro vengono decisi la stessa comunità secondo i propri bisogni).
La comunità recita i Vespri e legge le letture della domenica successiva, facendo una risonanza comunitaria, oppure inserisce dei testi di spiritualità coniugale.
Alla fine di ogni incontro tutti partecipano con un agape per ringraziare Dio di ciò che ha fatto e ha detto alla loro vita.
E’ auspicabile che agli incontri sia presente anche un sacerdote (è preferibile un padre spirituale della comunità oppure il parroco del territorio dove si effettua l’incontro).
Ogni mese tutte le comunità partecipano ad un’adorazione eucaristica organizzata e preparata dalle varie comunità.
Durante l’anno partecipano a dei ritiri (3 all’anno circa), in compartecipazione con le coppie dei fidanzati; nei Tempi Forti sono invitate a vivere liturgicamente ciò che la Chiesa propone (novene, digiuni, penitenza….).
Ogni comunità famiglia ha sempre una coppia guida (appartenente ad una comunità più anziana) che li accompagna nel primo periodo di formazione. Questa coppia ha lo scopo di fare da moderatrice e di garantire l’ortodossia di ciò che si dice secondo il pensiero della Chiesa. E’ preferibile che non faccia le catechesi, ma che insegni a farle con pazienza e carità, dedicando del tempo alle coppie che devono prepararle. Che dia loro le stesse consegne date a tutte le comunità famiglie, in modo da creare una comunione con lo stile già intrapreso.
Insegni loro come fare l’accoglienza, come preparare la propria casa ad una liturgia familiare. Se ci sono figli è bene pensare ad un’accompagnatrice dei bambini facendo fare loro un cammino parallelo di spiritualità secondo il proprio stile.

PER INFO

Per partecipare agli incontri per sposi vi consigliamo di telefonare o contattarci via email visto che spesso ci si incontra a casa. Vi invitiamo a visionare il calendario/eventi sotto la categoria sposi e a contattarci per qualunque altra informazione o dubbio.